DARE LA COMUNICAZIONE AL SORDO E’ POSSIBILE

MARIA SOARDI

Abstract


In un mondo fatto a misura di udenti è ammirevole vedere che esistono persone cheutilizzano altre risorse sensoriali per sopperire a quella deficitaria di tipo uditivo.1. La capacità comunicativa che i sordi sono riusciti ad ottenere con intensi sforzi, siaper far valere i propri diritti al pari degli udenti, sia per creare un codice comune dicomunicazione quale la lingua dei segni, ha portato molte persone normoudenti adavvicinarsi ad un mondo particolarmente difficile ed affascinante che è in continuaevoluzione.Entrare nella realtà dei sordi però, significa anche essere informati sulle cause edifficoltà che le persone con un deficit uditivo, affrontano quotidianamente. Partire da cos’èla comunicazione, conoscerla nelle varie forme, verbali e non verbali, porsi con assertività inqualsiasi contesto,saper valutare i metodi didattici più appropriati: questo sarà il ruolo delmediatore linguistico che si porrà come “ponte” tra i sordi e la realtà che li circonda.

Keyword


comunicazione verbale e non verbale; comunicazione assertiva; competenza comunicativa e linguistica

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.3299/sdg.v4i1.292-316

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.